Wikipedia

Risultati di ricerca

domenica 6 aprile 2014

RISOTTO CON CIPOLLINE NOVELLE E PISELLI PRIMAVERA

RISOTTO CON CIPOLLINE NOVELLE E PISELLI PRIMAVERA

Ingredienti per 5 porzioni:
500 gr. di riso Carnaroli (o altro riso per risotti);
70-100 gr. di cipolline novelle (oppure 1 mazzo di cipollotti freschi);
300 gr. di pisellini primavera (anche surgelati);
1/2 bicchiere di olio d'oliva;
25-30 gr. di burro;
1 bicchiere di vino bianco secco;
1 bustina di zafferano;
1,5 l di brodo vegetale;
parmigiano grattugiato.

 Preparare il brodo vegetale (se si usa il dado aggiungere comunque qualche pezzetto di sedano e cipolla crudi). Lavare e tagliare a fettine sottili le cipolline e lasciarle appassire con l'olio in un tegame, aggiungere i piselli e dopo qualche minuto aggiungere anche il burro. Proseguire la cottura per circa 1 minuto a fuoco medio-dolce e versare il riso, precedentemente lavato  e scolato, nel tegame. Lasciar tostare il riso e innaffiare con il vino bianco. Appena il vino sarà evaporato continuare la cottura, sciogliere lo zafferano nel primo mestolo di brodo, e continuare col brodo man mano che il precedente sarà stato assorbito, mescolando delicatamente con un cucchiaio di legno. Portare il riso a cottura secondo i tempi indicati sulla confezione. Amalgamare a fuoco spento con il parmigiano grattugiato.
BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA


TORTA FROLLATA AL CACAO E MARMELLATA

TORTA FROLLATA AL CACAO E MARMELLATA

400 gr. di farina tipo "00";
250 gr. di burro;
30 gr. di cacao amaro in polvere;
1 bustina di lievito in polvere;
170 gr. di zucchero;
4 uova intere;
1/2  tazzina di Rum;
1/2 tazzina di latte;
2 bustine di vanillina;
200 gr. di marmellata di pesche o albicocche.

 Setacciare farina e cacao, lievito e vanillina, e mescolarli. Lavorare il burro morbido a temperatura ambiente con la farina. Aggiungere lo zucchero e dopo aver amalgamato aggiungere le uova intere, precedentemente aperte in una ciotola, il Rum e il latte. Preriscaldare il forno a 180°.  Imburrare e infarinare una tortiera di cm 22 Ø, versare metà dell'impasto preparato e aggiungere, partendo dal centro, la marmellata a cucchiaiate senza però raggiungere il confine con le pareti dello stampo. Cercare di stendere la marmellata con molta delicatezza per evitare di smuovere l'impasto sottostante. Coprire con l'impasto rimanente e infornare per 35-40 minuti.
Sfornare e servire fredda cosparsa di zucchero a velo.
BUON ASSAGGIO DALLA FATTORIADIASSUNTA


 
 

PACCHERI AL RAGU' DI STOCKFISH

PACCHERI AL RAGU' DI  STOCKFISH

Ingredienti per 5 porzioni:
500 gr. di pasta formato Paccheri (Schiaffoni);
300 gr. di stoccafisso già ammollato;
2 spicchi d'aglio;
2 cipolle novelle (o 1 cipolla gialla);
3 pezzi di gambo di sedano;
10 pomodorini freschi tipo ciliegino;
2 scatole da 400 gr. di pomodori pelati;
1 bicchiere di vino bianco secco;
1 peperoncino rosso (facoltativo);
1 bicchiere di olio extravergine di oliva;
sale.

 Lavare le verdure. Tritare finemente cipolla, sedano e aglio.  Lavare e tagliare a pezzi i pomodorini, tagliarli a pezzi, possibilmente togliendo i semini.  Lavare lo stoccafisso e asportarne la pelle, tagliare poi a fettine, non più larghe di 3 cm, con un coltello ben affilato. Mettere i pomodori pelati in una ciotola e tagliuzzarli, schiacciandoli con la forchetta.  In una padella larga abbastanza per saltarvi la pasta lasciar appassire a fuoco medio il trito di cipolla, sedano e aglio e peperoncino sbriciolato, aggiungere subito i pomodorini freschi e lasciarli appassire cuocendo per circa 10 minuti a fuoco medio.  Innaffiare il soffritto di verdure con il vino e lasciar sfumare per qualche minuto. Aggiungere i pomodori pelati, salare e lasciar cuocere il sugo per circa 15 minuti a fuoco medio. Aggiungere lo stockfish a fettine e proseguire la cottura per 10 minuti a tegame coperto e poi lasciar addensare il sugo a fuoco dolce e senza coperchio.
 Cuocere la pasta al dente e lasciarla saltare per alcuni secondi nella padella con il sugo a fuoco vivace. Impiattare e servire.
BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA

p.s. Si può allungare il sugo aggiungendo una tazza di passata di pomodoro insieme ai pelati. Aumentando così la dose il giorno successivo sarà molto gradita una bella porzione di spaghetti o bucatini con il sugo avanzato.


CROSTATA CON CREMA E MARMELLATA DI COTOGNE

CROSTATA CON CREMA E MARMELLATA DI COTOGNE
 
Ingredienti per uno stampo da 30-32 cm Ø:
250 gr. di marmellata di mele cotogne;
pasta frolla
600 gr. di farina "00";
1 bustina di lievito vanigliato;
300 gr. di burro;
150 gr. di zucchero;
1 pizzico di cannella;
1 tazzina di marsala secco;
1 cucchiaio di acqua minerale naturale;
2 uova intere grandi;
crema
150 gr. di zucchero;
1 pizzico di cannella;
6 uova intere medie (o 4 grandi);
80 gr. di farina;
1 l di latte fresco intero;

Preparare la pasta frolla, lavorando in un robot, possibilmente con la planetaria (gancio a farfalla) la farina, addizionata con il lievito in polvere, e il burro. Aggiungere lo zucchero aromatizzato con la cannella  quando il composto assumerà la consistenza di una semola. Versare d'un colpo le uova intere, precedentemente aperte in una ciotola, e il marsala, versare 1 cucchiaio di acqua nella tazzina di marsala e aggiungerlo all'impasto. Lasciar riposare in frigo la pasta frolla.
Preparare la crema mescolando lo zucchero, aromatizzato alla cannella, con le uova. Aggiungere la farina e gradualmente, sempre mescolando, il latte. Cuocere la crema mescolando sempre dallo stesso verso fino a quando si sarà addensata.
Togliere la pasta frolla dal frigo. Preparare un piano infarinato, imburrare e infarinare uno stampo  da crostata di 30-32 cm Ø, dividere la pasta frolla in due parti che abbiano una proporzione 60/40. Preriscaldare il forno a 180°
Foderare lo stampo con il pezzo più grande di pasta frolla e stendervi sul fondo la marmellata di cotogne, coprire con la crema e chiudere con il secondo disco di pasta frolla. Sigillare bene il bordi togliendo anche la pasta in eccesso e infornare per 40-50 minuti, abbassando leggermente la temperatura a metà cottura se il forno è ventilato.

BUON ASSAGGIO DALLA FATTORIADIASSUNTA

venerdì 7 marzo 2014

ANATRA AL PORTO

ANATRA  AL  PORTO


Ecco che finalmente è arrivata la mia casseruola per anatra ordinata su Amazon ed è d'obbligo inaugurarla con una ricetta speciale che prevede come ingrediente principale, oltre l'anatra, un  famoso vino portoghese da meditazione.

Ingredienti per 4-6 porzioni:
1 anatra di circa 1,200-1,300;
2-3 carote;
2-3 gambi di sedano senza le foglie;
2 cipolle gialle;
Olio di oliva;
1noce di burro (25-30 gr circa);
3 bicchieri (generosi) di vino Porto[1];
sale.

  Preparare l'anatra, preferibilmente asportandone il petto (ottimo per preparare un ragù d'anatra), e togliere quante più parti grasse possibili, con  un coltello affilato e forbici da cucina, tagliare anche le parti più esterne della pelle che ha uno spessore maggiore. Fiammeggiare l'anatra per eliminare i residui di piume. Sbucciare le cipolle, lavare sedano e carote e raschiare queste ultime. Preparare un trito di sedano carote e cipolle. Rosolare l'a. con alcuni cucchiai di olio d'oliva, in una pentola ovale dai bordi alti adatta anche alla cottura in forno. Lasciar colorire l'a. da ogni lato, toglierla dal fuoco e poggiarla su un piatto, eliminare il grasso della rosolatura. Rimettere l'a. nella casseruola con 2-3 cucchiai di olio fresco e una noce di burro (25-30 gr circa) e portare su fuoco medio dolce, aggiungere il trito di verdure e lasciar insaporire. Innaffiare con il vino Porto e lasciar evaporare a fuoco vivace per 2 minuti almeno. Salare. Accendere il forno a 180° e infornare la casseruola, con l'a. rivolta con le spalle in alto, compresa di coperchio. Lasciar cuocere col coperchio per 50 minuti. Girare l'a. dopo 30 minuti di cottura portando provvisoriamente fuori dal forno. Sfornare e tagliare l'anatra a pezzi su un tagliere. Rimettere i pezzi d'a. nella casseruola con il suo sugo e tenere nel forno spento, ma caldo fino al momento di impiattare. Servire con qualche cucchiaio del fondo di cottura.
Come vino ho scelto un "Morellino di Scansano".

BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA


[1] Il Porto, o vino di Porto, è un vino liquoroso portoghese prodotto esclusivamente da uve provenienti dalla regione del Douro, nel nord del Portogallo, sita a circa 100 chilometri a est della città di Oporto [Da Wikipedia, l'enciclopedia libera].



 

PAPPARDELLE AL RAGU' D'ANATRA

PAPPARDELLE AL RAGU' D'ANATRA
 
Ingredienti per 4-6 porzioni:
400 gr. di farina tipo "00";
farina di semola di grano duro rimacinata per stendere la sfoglia;
4 uova intere medie;
1 petto d'anatra;
2 carote;
2 cipolle gialle;
1 lungo gambo di sedano con le foglie;
1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva;
25-30 gr. di burro;
1 bicchiere di vino rosso;
1 scatola di pomodori pelati da 400 gr;
1 tazza di passata di pomodoro.
sale

  Preparare la pasta fresca anche il giorno precedente: Creare un incavo al centro della farina, aggiungervi le uova dopo averle aperte una per una in una ciotola, e impastare fino a formare un panetto che dovrà riposare per 30 minuti. Stendere la sfoglia, aiutandosi con farina di semola di grano duro rimacinata, e arrotolarla dopo averla spolverizzata di farina di semola di grano duro. Ricavare le pappardelle tagliando "a fette" la sfoglia a una larghezza di 2 cm. Lasciar riposare le pappardelle su un vassoio leggermente spolverizzate di farina di semola di grano duro.
  Preparare il ragù d'anatra: Tagliare il petto d' a. a cubetti piuttosto piccoli. Lavare sedano e carote, raschiare le carote, e sbucciare la cipolla. Tagliare le verdure a pezzi grossi e tritarli finemente. Preparare in un tegame olio e burro e lasciar insaporire a fuoco medio il petto d'anatra. Aggiungere il trito di verdure e mescolare. Lasciar insaporire per 2-3 minuti a fuoco medio, innaffiare con il vino e lasciar evaporare a fuoco vivo per  1-2 minuti, aggiungere i pomodori pelati schiacciati con la forchetta e la tazza di passata. Trascorso un minuto proseguire la cottura a fuoco dolce e a tegame coperto per 30 minuti. Portare a bollore una larga pentola per la cottura della pasta, lasciar cadere la farina che la ricopre poggiandola in uno scolapasta. Cuocere la pasta per circa 6-7 minuti (assaggiare la pasta per controllarne la cottura prima di scolarla), scolarla e condirla con ragù d'anatra ben caldo.
Impiattare e accompagnare volendo con parmigiano grattugiato.

BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA
 

domenica 2 marzo 2014

FARAONA AL MARSALA E PANNA

FARAONA  AL  MARSALA  E  PANNA

Ingredienti per 4-6 porzioni:
1 gallina faraona a pezzi di circa 1,200 kg ;
2 bicchieri generosi di marsala secco superiore;
50 gr. di burro;
1 cucchiaio di olio d'oliva;
1 bicchiere di panna da cucina;
sale e pepe nero in grani.

  Fiammeggiare la faraona per asportare residui di piume, lavare e asciugare. In un tegame sciogliere il burro a fuoco dolce, con un cucchiaio di olio. Rosolare i pezzi di faraona da ogni lato a fuoco medio dolce. Innaffiare con il marsala a fuoco vivace e lasciar sfumare per 2-3 minuti. Aggiunger il pepe nero in grani e salare. Portare la fiamma a fuoco medio dolce  e lasciar cuocere con coperchio per circa 40 minuti. Aggiungere la panna, mescolare e continuare la cottura per 10 minuti a fuoco medio dolce e a tegame coperto. Togliere il coperchio e lasciare ancora pochi minuti su fuoco.
Impiattare e coprire i pezzi di faraona con qualche cucchiaio della salsa di cottura alla panna.
Accompagnare con un contorno di pisellini primavera saltati al burro e insaporiti  con una tazzina di marsala e un cucchiaio di panna.


BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA

MIGLIACCIO SALATO DI CARNEVALE

MIGLIACCIO SALATO DI CARNEVALE

 E' meno conosciuto rispetto al classico migliaccio dolce preparato in occasione del Carnevale, ma è un piatto, di antica tradizione popolare, che nella mia famiglia si prepara da sempre per il pranzo del martedì grasso (la domenica che precede il carnevale, invece, a tavola regna la lasagna, quella con la sfoglia riccia). L'unico testo culinario nel quale ho trovato una versione di questo piatto, simile a quella in uso nella mia famiglia, è di uno chef campano che ha pubblicato un libro per professionisti. Il migliaccio dolce con ricotta e semolino non è quasi in uso nella mia località ma in molti comuni campani è l'unica versione conosciuta o per lo più quella prevalente.  La versione salata qui proposta può essere ultimata sia con cottura in forno che fritta, noi a casa prepariamo entrambe dividendo a metà il composto finito.

 Ingredienti per 4-6 porzioni:
650-700 gr di pasta mista;
3 l di acqua minerale naturale;
5 uova medie intere;
salsiccia semi-stagionata di macelleria;
1 cucchiaio di strutto;
250 gr. di semolino;
60 gr. di formaggio pecorino;
sale e pepe.
Teglie da forno - carta forno - olio d'oliva per friggere

  Preparare innanzitutto gli ingredienti dosati. Togliere la pelle alla salsiccia e tagliarla a fette quasi spesse. Porre sul fuoco l'acqua con la salsiccia  a fette e un cucchiaio di strutto e portare a bollore. Calare la pasta e calcolati i tempi di cottura aggiungere sale e a metà cottura il semolino a pioggia, pepare e iniziare a questo punto a mescolare fino a quando il semolino non sarà ben addensato (quando si farà fatica a mescolare sarà pronto). Togliere dal fuoco e aggiungere subito le uova, uno per volta amalgamando bene. Versare il composto in teglie da forno dallo spessore di circa 3 cm, foderate preferibilmente con carta forno, e lasciar raffreddare. Il migliaccio può essere cotto in forno a 180° per circa 30 minuti, oppure tagliato a fette e fritto in padella con olio d'oliva.

p.s. è possibile utilizzare solo spaghetti o vermicelli e friggere in una padella tonda dal Ø di un piatto piano per servire una porzione individuale di migliaccio in versione tonda, noi preferiamo tagliare prima a fette in quanto nella rosolatura anche i bordi diventano croccanti.

BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA

martedì 28 gennaio 2014

SPAGHETTI ALLA CARBONARA

SPAGHETTI ALLA CARBONARA
Ricetta della cucina casereccia romana
L'ingrediente che ha dato il nome a questo piatto sembra essere proprio il pepe che ricorda appunto il carbone.
 
Ingredienti per 4 porzioni:
400 gr. di spaghetti o vermicelli;
70-80 gr. di pancetta di suino a cubetti;
3 tuorli d'uovo;
50 gr. di formaggio pecorino;
olio, sale e abbondante pepe.

Tagliare a cubetti o a strisce la pancetta. Portare sul fuoco la pentola per la cottura della pasta e portare l'acqua a ebollizione. In una padella porre la pancetta e un filo d'olio e saltare per pochi minuti sul fuoco medio dolce. Preparare la crema di tuorli d'uovo montando con una frusta a bagnomaria. Preparare due piccole casseruole per la cottura a bagnomaria*. Calare la pasta nella pentola l'acqua in ebollizione, salare e calcolare i tempi di cottura.  Intanto a parte portare anche l'acqua del bagnomaria verso l'ebollizione. Sbattere i tuorli d'uovo nella pentola vuota posta all'interno della pentola con l'acqua calda. Mescolare velocemente ed evitare che le uova si  rapprendano. Scolare la pasta e versarla nella padella con la pancetta facendo saltare su fuoco per pochi secondi, allontanare dal fuoco e aggiungere la crema di tuorli d'uovo mescolando molto velocemente per far si che tutti gli ingredienti si amalgamino senza che le uova si rapprendano come una frittata.
Impiattare e coprire con formaggio pecorino grattugiato e un' abbondante grattata di pepe.

BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA



*La casseruola che andrà posizionata sotto sarà leggermente più grande e piena a metà di acqua, all'interno della prima casseruola posizionarne una seconda vuota per contenere l'ingrediente da lavorare a bagnomaria.

CARNE ALLA PIZZAIOLA

CARNE ALLA PIZZAIOLA
E' un piatto della cucina casereccia campana

Ingredienti per 4 porzioni:
4 fette di carne per umido
4 spicchi d'aglio
1 bicchiere di olio extravergine di oliva
origano
gr. 400- 500 pomodori a filetto o pelati (scolati dal liquido);
sale.

  Preparare una padella abbastanza capiente per contenere le fette di carne senza sovrapposizione.
Pelare gli spicchi d'aglio, tagliarli a fette spesse e spargerle sul fondo della padella. Coprire con mezzo bicchiere di olio il fondo della padella e appoggiarvi le fette di carne. Scolare i pomodori e tagliarli a pezzi più piccoli (i pelati si possono schiacciare con la forchetta). Coprire la carne con i pomodori e irrorare con mezzo bicchiere di olio, cospargere con sale e origano. Porre la padella su fuoco a fiamma vivace e cuocere per 15-20 minuti coprendo per alcuni minuti a metà cottura.
Servire caldo.
BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA


p.s. Con il sugo è possibile condire della pasta formato spaghettini.


domenica 5 gennaio 2014

MINESTRA DI CREMA DI ZUCCA AL BRODO DI POLLO

MINESTRA DI CREMA DI ZUCCA AL BRODO DI POLLO

Ingredienti per 4 porzioni:
1 l di brodo di pollo;
500 gr. di zucca sbucciata e a pezzi;
1 bicchiere di latte;
prezzemolo;
noce moscata;
1 porro o 1 cipolla gialla;
50 gr. di burro;
Aggiungere 200 gr. di pastina da brodo, oppure servire con crostini di pane tostati.

Cuocere la zucca nel brodo. Tagliare a fettine sottili la cipolla o a rondelle sottili il porro.  Quando la zucca sarà cotta togliere dal brodo con un mestolo forato e frullarla. Rimettere nel brodo la polpa di zucca, aggiungere il latte e la noce moscata grattugiata,  e portare a bollore. Sciogliere a fuoco dolce il burro e saltare la cipolla o il porro nel burro. Lavare e tritare finemente un ciuffo di prezzemolo. Aggiungere al brodo la pastina (saltare questa fase se si sceglie di servire la minestra con crostini di pane tostato). A fine cottura subito prima di spegnere il fuoco aggiungere le cipolle saltate con il burro e il prezzemolo. Servire caldo.


BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA

BRODO DI POLLO per minestre

BRODO DI POLLO per minestre

Preparare il giorno prima dell'utilizzo. Il brodo si mantiene per alcuni giorni in frigo, filtrato e chiuso in una bottiglia.

300-500 gr. circa di ali di pollo (o altri pezzi della carcassa);
2-3 carote;
1 gambo di sedano con foglie;
1-2 cipolla rossa;
1 cipolla gialla;
1 porro;
2 l di acqua minerale naturale;
sale.

 Lavare e tagliare a pezzi le verdure, raschiare le carote e affettarle. Porre in una pentola le verdure e il pollo e coprire con circa 2 l di acqua minerale naturale e aggiungere 1/2 cucchiaio di sale. Portare a bollore, abbassare la fiamma e continuare la cottura per 30 minuti. Spegnere il fuoco e lasciar raffreddare per tutta la notte. Il giorno dopo togliere il grasso solidificato che si sarà formato in superficie, filtrare il brodo con un passino a maglie fitte. Conservare il brodo in frigo fino all'utilizzo.

 Le verdure possono essere frullate, e con l'aggiunta di parte del brodo (q.b.) alla polpa di verdure, e della carne di pollo a pezzetti (ricavata dalle ossa del brodo),  preparare una minestra alla quale aggiungere pastina o riso originario.

Il brodo è ottimo anche se preparato con una gallina intera servita poi in minestra come appena descritto.


BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA

POLLO AL CARTOCCIO RIPIENO CON PROSCIUTTO E MAIS

POLLO AL CARTOCCIO RIPIENO CON PROSCIUTTO E MAIS
 
Ingredienti per 6 porzioni:
1 pollo intero ben grosso (1,800 gr circa);
80-100 gr. di mais lessato in scatola;
100-120 gr. di prosciutto cotto;
2 uova medie intere;
80 gr. di parmigiano grattugiato;
400 gr. di pane raffermo;
latte q.b.;
sale e pepe;
Carta stagnola - teglia da forno.

Lavare il pollo e fiammeggiarlo per eliminare residui di piume. Preparare il ripieno bagnando il pane nel latte per pochi minuti. Strizzare il pane e amalgamarlo con le uova, il formaggio grattugiato, il mais lessato lavato e scolato, sale, pepe, e il prosciutto cotto tritato con il coltello. Farcire il pollo con il ripieno e chiudere l'apertura con uno stecchino di metallo, o meglio ancora con spago da cucina cucito con un ago grosso. Preriscaldare il forno a 200°. Posizionare la carta stagnola distesa in una teglia e adagiarvi il pollo, irrorare il fondo con 2 cucchiai di acqua e chiudere il cartoccio lasciando una camera d'aria all'interno per la circolazione del vapore di cottura.
Infornare per 2 ore a 180° per i primi 90 minuti, e 170° per gli ultimi 30. Spegnere il forno. Lasciar intiepidire il pollo fuori dal forno aprendo il cartoccio. Tagliare a pezzi con l'aiuto di una forbice trinciapollo. Servire accompagnando con piccole porzioni del ripieno.

BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA


PASTA FRESCA AL NERO DI SEPPIA con pomodorini e gamberi

PASTA FRESCA  AL NERO DI SEPPIA con pomodorini e gamberi
 

Ingredienti per 5-6 porzioni:
400 gr. di farina tipo "00";
2 bustine di nero di seppia (circa 3 cucchiaini);
4 uova medie intere;
farina di semola di grano dura rimacinata per stendere la sfoglia.
Sugo consigliato con pomodorini e gamberi.
Ingredienti:
500 gr. di gamberi;
300 gr. di pomodorini ciliegia;
prezzeomolo;
1-2 scalogni;
1 bicchiere (da acqua) di vino bianco;
olio extravergine di oliva;
sale e pepe.

 Preparare gli ingredienti. Porre la farina in una grossa ciotola dal fondo piatto (si utilizzare al posto di un piano di lavoro). Formare al centro un incavo e versarvi le uova intere e il nero di seppia. Iniziare a impastare portando man mano parte della farina verso il centro e gradualmente assorbire tutta la farina all'impasto. Formare una palla e lasciar riposare per un minimo di 30 minuti.
 Stendere la sfoglia, con l'aiuto di farina di semola di grano duro rimacinata, e ricavare dei tagliolini, oppure tagliatelle (a mano o con la macchina tagliapasta).
 Preparare un sugo soffriggendo uno scalogno tritato in olio extravergine di oliva, aggiungere i pomodorini lavati, asciugati e tagliati a metà. Salare leggermente e lasciar appassire i pomodorini. Innaffiare con un bicchiere generoso di vino bianco secco. Lasciar sfumare il vino e aggiungere i gamberi, precedentemente lavati e scolati. Ultimare la cottura tenendo conto che i gamberi cuoceranno in poco tempo. Aggiungere il prezzemolo tritato a fine cottura e pepare. Condire la pasta fatta intanto cuocere per circa 7-8 minuti.

BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA


Questo tipo di pasta può essere anche condito con pomodorini saltati e bottarga, oppure con un sugo preparato con scalogno, pomodorini freschi e salmone fresco a pezzetti.

SFINCIONE (sicilia)

SFINCIONE
(sicilia)

   E' una preparazione rustica, praticamente una specie di focaccia farcita in maniera del tutto singolare, e dal gusto forte, deciso, rustico....molto rustico.
  Mio marito, siciliano di adozione, ricorda fin dalla sua fanciullezza i cenoni delle vigilie d'anno con tavole imbandite da preparazioni rustiche fra cui lo Sfincione, preparato nella sua famiglia agrigentina in quell'occasione. Il consorte mi ha chiesto una vigilia d'anno con questo tema gastronomico, ma abbiamo raggiunto un compromesso e optato per la cena dell'antivigilia, 30 dicembre.
  Non gradisco le acciughe, o le sarde, fra gli ingredienti chiave per questa preparazione, pertanto chi avesse gusti simili ai miei è avvisato.
 E' preferibile preparare l'impasto con un giorno d'anticipo.

- Ingredienti per la pasta di 3 Sfincioni in teglie rettangolari da  4-6 porzioni:
13-15 gr. di lievito di birra;
500 gr. di farina di "semola di grano duro rimacinata";
500 gr. di farina tipo "Manitoba";
20 gr. di sale marino fino;
40 gr. di strutto;
600 ml di acqua minerale frizzante.
- Ingredienti per la farcitura:
3-4 cipolle medie (rosse, gialle o rosate);
concentrato di pomodoro;
pomodori pelati;
acciughe sotto sale o sarde q.b.;
caciocavallo fresco q.b.
caciocavallo stagionato da grattugiare;
olio extravergine di oliva;
origano;
pangrattato q.b.

Preparare l'impasto sciogliendo il lievito in una tazza di acqua appena tiepida, prelevata dalla dose di acqua indicata. Impastare parte della farina con il lievito sciolto nell'acqua e aggiungere gradualmente la restante acqua e farina, lavorare il panetto e lasciar lievitare in una ciotola coperta da un panno umido. Il giorno successivo, nel primo pomeriggio dividere l'impasto in panetti da 500-600 gr. circa ognuno, lavorare e lasciar lievitare i panetti spolverati da un velo di farina e coperti da un  panno umido. Dopo 3-4 ore di lievitazione stendere nelle teglie e lasciar lievitare ancora per 1 ora circa. Predisporre  intanto tutti gli ingredienti per la farcitura.

Salse per la farcitura:
1) Saltare nell'olio le cipolle, sbucciate e  finemente affettate e coprire con 2 cucchiai di concentrato di pomodoro. Aggiungere poco dopo 1 bicchiere di acqua e lasciar cuocere a fuoco dolce per 30 minuti, aggiungere il pomodoro pelato, precedentemente frullato (o della passata molto densa) e continuare la cottura per ancora 30-40  minuti. Frullare la salsa a cottura ultimata e tenere da parte.
2) tagliare a fettine sottili la cipolla e lasciarla saltare in olio per pochi minuti. In una ciotola schiacciare con la forchetta una scatola i pomodori pelati e condire con olio e sale.
Pulire la acciughe, tagliare a pezzi il formaggio caciocavallo fresco.
Coprire la pasta stesa nelle teglie con le acciughe e pezzi di caciocavallo. Coprire con la salsa alla cipolla e pomodoro cotta (opzione 1), oppure con cipolle saltate in padella e pomodori pelati al naturale (opzione 2). coprire con il caciocavallo stagionato grattugiato, origano,  e cospargere tutta la superficie di pangrattato.
Infornare in forno preriscaldato a 220° per 15-20 minuti (verificare comunque la cottura in base al forno in dotazione).
BUON APPETITO DALLA FATTORIADIASSUNTA

 

 
Sopra: versione con cipolle saltate in padella e pomodori pelati al naturale(2).
 
Sopra: versione con salsa di cipolle e pomodoro cotta (1).
 (2)(1)